Welcome, Guest
Username: Password: Remember me
  • Page:
  • 1
  • 2

TOPIC: Vita da psicotico

Vita da psicotico 9 years 1 month ago #61

  • raffo
  • raffo's Avatar
Salve dottore,mi è stato diagnosticato un disturbo psicotico, ho alle spalle un tentato suicidio.
Assumo neurolettici(abilify), antidepressivi(zoloft) e tavor ansiolitico.
Per non farla lunga e noiosa,sto provando a cercare lavoro e mio padre, ignorando del tutto (sa tutto ma dice che non fa niente)la situazione, dice che devo trovarmi una donna e sposarmi. Io non mi sentyo in grado ( ho 26 anni) di fare tutto cio'.Ho letto sul forum di medicitalia che lei diceva che se fosse un padre di una ragazza la farebbe allontanare dall'amore con uno ''psicotico''. io le do ragione e penso la stessa cosa. in queste condizioni psicologiche non è giusto mettere in mezzo un matrimonio che poi non si è capaci di gestire in modo opportuno. è anche vero che vivere cosi passivamente non è molto bello.
sto cercando un lavoro e non le dico le difficoltà.. xkè i datori si accorgono della situazione benchè abbia un aspetto normale il comportamento è da psicotico.riesce a comprendere la situazione?spero mi dia il suo punto di vista a riguardo.
The administrator has disabled public write access.

Vita da psicotico 9 years 1 month ago #62

  • Dott. Vassilis Martiadis
  • Dott. Vassilis Martiadis's Avatar
Gentile utente,
Le sindromi psicotiche sono multiformi e non necessariamente devono causare un grave impatto sulla vita delle persone. Le terapie attuali, in molti casi, consentono una vita soddisfacente, nonostante le notevoli difficoltà che la patologia può comportare. Riguardo alle relazioni sentimentali, non ricordo nello specifico il consulto a cui si riferisce, ma probabilmente mi riferivo ad una situazione nella quale una relazione fosse gravemente compromessa da gravi alterazioni comportamentali. Al riguardo non è possibile generalizzare. Conosco personalmente molte coppie nelle quali uno dei due componenti ha avuto o ha problemi dello spettro psicotico e, nonostante le difficoltà, le loro famiglie risultano unite più di tante altre. Non conosco la sua particolare situazione clinica, familiare e personale, ma non credo che debba scoraggiarsi di fronte alle difficoltà che il suo disturbo può comportare. Potrebbe essere utile per i suoi familiari mantenere uno stretto contatto con il suo specialista, in modo da rendersi conto delle effettive difficoltà esistenti. Le faccio il mio in bocca al lupo per tutto.
Cordiali saluti
The administrator has disabled public write access.

Vita da psicotico 9 years 1 month ago #63

  • raffo
  • raffo's Avatar
la ringrazio per la risposta.Ora le pongo un quesito in ambito medico dato che il mio psichiatra e il mio medico di famiglia sembrano sottovalutare il problema.
Come le ho già scritto assumo Abilify 15mg (1 compressa al mattino), Zoloft 50mg (1 compressa al mattino) e tavor (lorazepam 1 compressa la sera). La mia diagnosi è depressione psicotica.
Prima dell'Abilify assumevo ziprexa e non le dico i valori GOT e GPT delle analisi del sangue... entrambi oltre 500..intendo proprio le transaminaci come avrà capito.
Questa situazione è andata avanti per qualche anno. Ora ho cambiato con Abilify da parecchi mesi lo prendo. Dalle ultime analisi del sangue FATTE 1 SETTIMANA FA leggo:

GOT(AST) 167 u/l
GPT(ALT) 356 u/l

il valore massimo che dovrebbero avere GOT E GPT è di 40. Quindi ce li ho ancora abbastanza sballati,direi molto.
Facendo una ricerca sul web ho letto che essi indicano le cellule del fegato che muoiono...in poche parole mi sto rovinando il fegato. è cosi'?
Inoltre vorrei sapere se con un pò di buona volontà potrei sospendere l'assunzione dell'ABILIFY dato che secondo me è responsabile di questa situazione epatica.Aggiungo che sono sovrappeso (alto 1.80 x 110kg). Quindi influisce anche la dieta ma non solo. Basti dire che mia madre che prende il Seroquel ha le transaminasi nella norma ed è anche lei un pò sovrappeso...
In parole povere siccome da 4 o 5 anni le analisi del sangue mi riportano sempre questi valori delle transaminasi alti, a suo avviso può esserci o c'è già un danno epatico irreparabile? Il mio psichiatra dell'asl dice che devo sentire il mio medico di famiglia. Il mio medico di famiglia si è limitato a suggerirmi di prendere REALSIL bustine che costano 15 euro a confezione che dura 15 gg. Aggiungo che non sono neanche pensionato,l'inps in seguito a una verifica straordinaria mi ha tolto l'assegno giudicandomi depresso ma non psicotico.quindi non ho soldi per questo realsil...
scusi per il post lungo mi interessa sapere se posso andare avanti così oppure c'è davvero da fermarsi con questi farmaci perchè se no potrei rimetterci il fegato e quindi la pelle...
Grazie
The administrator has disabled public write access.

Vita da psicotico 9 years 1 month ago #64

  • Dott. Vassilis Martiadis
  • Dott. Vassilis Martiadis's Avatar
Gentile utente,
In linea teorica, oltre all'aripiprazolo, anche il lorazepam e la sertralina potrebbero essere implicati nella genesi dell'aumento delle transaminasi. Da non trascurare anche l'aspetto relativo all'alimentazione. In genere, l'aumento delle transaminasi può essere gestito attraverso la riduzione del dosaggio dei farmaci oppure con la sospensione di farmaci non necessari al momento, in caso di politerapie, ma comunque sempre con il benestare e sotto la diretta supervisione dello specialista. Inoltre, come già é stato fatto nel suo caso, si può suggerire l'utilizzo di farmaci epatoprotettori per diminuire il danno epatico. Ne parli comunque con il suo specialista.
Cordiali saluti
The administrator has disabled public write access.

Vita da psicotico 9 years 1 month ago #65

  • raffo
  • raffo's Avatar
grazie Dottore.
il problema,le sembrerà strano, è proprio che il mio psichiatra e il mio medico di famiglia o non sanno o fanno finta di non sapere.
cosi,come un pò tutti,sto cercando di documentarmi per capire.mi rendo conto che è sempre lo specialista che deve disporlo,comunque la prima mossa che farei è scalare l'aripiprazolo da 15 mg a 10 mg.Pensa che sia fattibile tale riduzione di dosaggio?
La sertralina non posso ridurla dato che 50 mg è la dose minima utile per produrre effetti da come leggo sul foglietto...il lorazepam neanche,perchè lo prendo la sera e ho provato a prenderne mezza compressa senza alcun effetto... per cui devo assumere quella da 2,5mg.
La terapia per me è fondamentale;ci sono alcuni ragazzi che soffrono di questi disturbi e si rifiutano di prendere farmaci... si ormai il mio corpo si è abituato.
provai a smettere la sertralina e ebbi un attacco di panico fortissimo in piena notte nel giro di una ventina di giorni dalla sospensione...
domanda per Lei: potrei sospendere l'abilify ?senza avere effetti collaterali o anche la sospensione brusca di questo antipsicotico porta a crisi di astinenza?

inoltre ho un'altra domanda:mi pare di aver capito che gli psichiatri non scrivono mai SCHIZOFRENIA o comunque tendano a nascondere tale PROBLEMA PSICOTICO dietro a patologie il cui nome è meno ''scottante'': disturbo bipolare, distubo schizoaffettivo.
Io da quel che ho capito soffro di schizofrenia ma mai nessuno me l'ha detto. la mia impressione è vera?Uno psichiatra tende a non dire che il paziente è schizofrenico?Ora non è che se me lo dice la prendo a male, io sono convinto di esserlo.
Infine, c'è chi mi dice che dovrei smettere di assumere psicofarmaci e affidarmi SOLO a un bravo PSICOLOGO. io ritengo questa cosa del tutto inesatta.

come vede ho bisogno di molte risposte spero riesca a decifrare le domande che le ho posto in modo un pò caotico.
The administrator has disabled public write access.

Vita da psicotico 9 years 1 month ago #66

  • Dott. Vassilis Martiadis
  • Dott. Vassilis Martiadis's Avatar
Gentile Utente,
spero di riuscire a rispondere alle sue domande.
In primo luogo è necessario chiarire che a distanza non è possibile formulare alcuna prescrizione terapeutica, sia perchè illegale, sia perchè deontologicamente scorretto. Pertanto, la invito a non modificare autonomamente la terapia farmacologica, ma a fare sempre riferimento al suo specialista di fiducia. L'autogestione della terapia è sempre inutile e, molto spesso, anche dannosa.
Non so lei che cosa intenda per "gli psichiatri", io posso rispondere per me stesso: schizofrenia, disturbo bipolare e disturbo schizoaffettivo sono tre entità diverse, accomunate da alcuni aspetti e, spesso, trattate con gli stessi tipi di farmaci poichè condividono diversi substrati biologici. Personalmente non ritengo sia utile nascondere una diagnosi, anche se oggi, il termine schizofrenia, ormai pregno di significati negativi e stigmatizzanti, viene spesso sostituito dal termine disturbo psicotico o dello spettro psicotico, a sottolineare che non esiste un'unica possibile manifestazione e, soprattutto, che non esiste un decorso predestinato, ma che è, in molti casi, possibile modificare attraverso le terapie disponibili.
Lasci perdere chi esprime opinioni su farmaci, diagnosi e terapie senza averne titolo. Purtroppo, mentre nelle altre branche mediche nessuno si sognerebbe di mettere in discussione una terapia o una diagnosi, in psichiatria e in psicologia tutti si sentono in dovere di esprimere il proprio punto di vista, e non importa se il punto di vista sia quello medico-specialistico oppure quello dell'uomo della porta accanto. Un po' come avviene nel calcio, dove tutti si sentono grandi allenatori, così nel nostro campo, tutti si sentono, più o meno, bravi psichiatri o psicologi.
Cordiali saluti
The administrator has disabled public write access.
  • Page:
  • 1
  • 2
Time to create page: 0.285 seconds

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy